A Lucerna il salone elvetico delle auto d’epoca

26 maggio 2017
a cura della Redazione
  • Salva
  • Condividi
  • 1/5
    Nel fine settimana si tiene la fiera internazionale Swiss Classic World, nella bella città svizzera.
    La rassegna su Monteverdi, una sfilata di moda a tema e la possibilità di un giro su bus d’epoca tra le attrazioni più interessanti

    Giunta ormai alla 4ª edizione, la fiera lucernese apre i battenti domani sabato 27 con oltre 600 autovetture e motociclette d’epoca grazie alla partecipazione di oltre 200 espositori. L’organizzazione per quest’anno prevede un afflusso di oltre 10mila spettatori. Tra le attrazioni, anche l’esposizione delle auto di lusso create da Peter Monteverdi negli anni ’60 e ’70. Vetture le cui bellissime carrozzerie erano realizzate da noti carrozzieri italiani, su tutti Pietro Frua.
    La scelta di Lucerna come sede non è casuale; situata nel cuore della Svizzera, offre
    tutti i requisiti per poter ospitare una fiera dedicata alle vetture d’epoca. L’attraente
    paesaggio lungo le rive del lago di Lucerna e l’ottima infrastruttura autostradale sono
    alcuni punti di forza, come conferma il continuo aumento di pubblico ed espositori.
    Il salone di Lucerna può essere l’occasione per gli appassionati italiani di osservare alcune curiosità, come per il giubileo dei 100 anni del fabbricante di carrozzerie
    zurighese Tüscher. Con la collaborazione dello Swiss Car Register di Safenwil
    si potranno ammirare alcune creazioni del carrozziere che lavorava anche su telai
    FIAT ed Isotta Fraschini.
    Interessante, e innovativa vista con gli occhi di un Italiano, la sfilata di moda dedicata al tema Classic Cars e messa in scena da LU Couture, come pure i giri con un bus storico della Auto AG di Uri e la possibilità di recarsi presso il Museo dei Trasporti con un automezzo storico della vbl-Historic.
    Swiss Classic World è stata ideata e realizzata perché in Svizzera si sentiva la mancanza di una manifestazione ad hoc che ponesse le vetture d’epoca al centro dell’interesse. Di certo negli anni passati non c’era nulla che si orientasse alle fiere già famose e di livello internazionale come quelle di Stuttgart, Essen, Parigi o Padova. La crescita costante di espositori e di pubblico conferma l’interesse del territorio elvetico e l’apprezzamento per la qualità, su cui puntano gli organizzatori privilegiandola alla quantità.
    www.swissclasscworld.ch

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta