x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Arezzo conferma la crescita di interesse verso le auto d’epoca

15 January 2018
a cura della Redazione
  • Salva
  • Condividi
  • 1/20
    La XX edizione di Classic Motors, primo evento importante della stagione, ha visto un incremento di pubblico del 10%
    Grande interesse per le auto della Mille Miglia e anche per la parte modellistica

    Sono stati oltre 14.500 i visitatori che hanno varcato i cancelli della XX^ edizione di Arezzo Classic Motors tenutasi sabato 13 e domenica 14 gennaio. Un incremento di oltre il 10% rispetto allo scorso anno. Appassionati di motorismo, contenti di tornare a casa con pezzi di ricambio difficilmente reperibili altrove come marmitte, fanalini, caschi e altro ancora; ma anche giovani e famiglie entusiasti di trascorrere una domenica diversa a passeggio tra vetture d’altri tempi come trattori, auto, pullman e moto.

    Oltre 20.000 i metri quadrati espositivi, 7 i padiglioni, oltre 300 gli espositori e tanti gli appuntamenti in calendario, tra cui quello delle premiazioni dei campionati sportivi italiani del Vespa Club Italia. Questi i numeri del 2018.
    “È stata un’edizione straordinaria -ha commentato Stefano Sangalli, l’organizzatore- la risposta di espositori e pubblico ha ripagato del lavoro di un anno. Ricordo con un sorriso nostalgico la prima edizione e sono orgoglioso di notare quanto siamo cresciuti in questi vent’anni”.
    Il pubblico si è riversato numeroso anche presso lo spazio della Polizia di Stato per ammirarne veicoli unici e straordinari: dalla Lamborghini Huracàn alla Fiat 1100 EL del 1951, dall’Alfa Romeo 1900 Super TI Speciale del 1958, alla Fiat 600 Multipla del 1959 e all’Alfa Romeo 2600 Sprint del 1964.

    Molto significative le vetture esposte presso lo stand del Club Saracino a celebrare il passaggio della 1000 Miglia in Toscana il prossimo maggio che toccherà Cortona dopo Arezzo: l’OM 665 S MM del 1929 (che ha partecipato anche all’ultima edizione), la Fiat 1100 S Berlinetta MM del 1947 e la Porsche 550 Spider della MM del 1956.
    Gettonate anche le vetture Sport Prototipi degli anni ‘80 esposte dalla prima scuderia automobilistica nata ad Arezzo: il Chimera Classic Motor Club e alcuni modelli storici della Casa automobilistica Abarth esposti dal Registro Fiat Italiano tra cui la Fiat 124 Abarth Sport Rallye.

    Da sottolineare anche il successo riscosso dal padiglione 7 in cui facevano bella mostra di sé modellini e diorami curati dall’Associazione Arezzo Modellismo, un appuntamento che sicuramente si ripeterà nelle prossime edizioni.

    www.arezzoclassicmotors.it

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta