x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Lamborghini racconta Ferruccio: in un libro la storia dei suoi trattori

22 May 2018
a cura della Redazione
  • Salva
  • Condividi
  • 1/5
    Dal Carioca al lifestyle di lusso: il figlio Tonino ricorda la storia del padre Ferruccio
    e ne racconta gli esordi, con i veicoli agricoli, in un libro presentato in una serata speciale

    Venerdì 18 maggio si è svolto il Lamborghini Celebration Day presso il Museo Ferruccio Lamborghini di Funo di Argelato (BO), evento durante il quale è stato presentato il nuovo libroFerruccio Lamborghini. I Trattori” scritto dal figlio Tonino (Minerva edizioni, 2018) sulla storia della prima azienda Lamborghini.
    Moderatore della presentazione il giornalista e attore Giorgio Comaschi, il quale ha coinvolto l’imprenditore Tonino Lamborghini, il Sindaco di Argelato Claudia Muzic, il presidente di Confcommercio Ascom Bologna Enrico Postacchini e l’editore Roberto Mugavero in un dialogo a più voci su Ferruccio e le sue straordinarie invenzioni.
    Fra le creazioni di Ferruccio, esemplari unici di trattori e auto custoditi nel Museo di Argelato, Comaschi ha interpretato anche quattro set teatrali per raccontare alcuni momenti salienti della vita di Ferruccio: “Chi era Lamborghini? Forse era un toro, un toro ben piantato di campagna; un uomo nato dalla pianura, innamorato delle macchine e delle belle donne, che ha vissuto la sua terra e che ha rivoluzionato il mondo dell’auto nel mondo”.
    Tonino Lamborghini, nel ricordare suo padre, ha aggiunto: “Questa serata vuole essere un tributo alla mia famiglia e al mito Lamborghini, ma anche un ringraziamento a tutti coloro che hanno collaborato per rendere questo marchio un mito senza tempo: dalle maestranze della Lamborghini Trattori, della Caloreclima e della Automobili, a tutti i partner internazionali del gruppo Tonino Lamborghini molti dei quali stasera qui con noi. Mio padre è stato molto amato e apprezzato non solo per le sue meravigliose creazioni meccaniche, ma anche per il suo importante contributo all’industria italiana ed emiliana in particolare. Dal 1947, quando ha creato il primo trattore, ha reso il cognome Lamborghini un nome iconico a livello mondiale, un marchio che ha spaziato in diversi settori (dai trattori alle auto sportive, dalla meccanica all’oleodinamica, fino ai sistemi di riscaldamento e raffreddamento). Ancora oggi, è un simbolo di qualità ed eccellenza tutto italiano.
    In onore di Ferruccio Lamborghini la Città Metropolitana di Bologna e il Comune di Argelato hanno inaugurato la rotatoria stradale sulla SP 4 Galliera, su cui oggi si trova la sede del museo dedicato al padre del Toro e dove era la sede della Lamborghini Oleodinamica.
    www.museolamborghini.com

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta