x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

Presentata la 6ª ModenaMotorGallery nel segno di Ferrari e Abarth

14 September 2018
a cura della Redazione
Presentata la 6ª ModenaMotorGallery nel segno di Ferrari e Abarth
L’evento emiliano ormai tra i principali del panorama italiano dedicato a due giganti dell’automobile. Mostre, anche di moto, convegni e auto in vendita da sabato 22 a domenica 23 settembre al quartiere fieristico ModenaFiere

Il salone modenese, di caratura internazionale, quest’anno è dedicato a due grandi figure dell’automobilismo con mostre di grande qualità a loro dedicate: Enzo Ferrari a 120 anni dalla nascita avvenuta a Modena il 18 febbraio 1898 e Carlo Abarth, nato 110 anni fa.
Per celebrare il Drake, il patron Mauro Battaglia e suoi collaboratori hanno studiato diversi momenti. In primis la mostra “Testimonianze”. Su grandi display appariranno interviste video alle persone che hanno avuto un ruolo nella vita di Enzo Ferrari, tratte dall’archivio Fondazione Casa Enzo Ferrari, con contributi di Piero Ferrari, Mauro Forghieri, Giulio Borsari, Franco Gozzi, Mario Righini, don Sergio Mantovani, Oscar Scaglietti, il barbiere Antonio d’Elia, il ristoratore Lauro Malavolti, l’autista Dino Tagliazucchi, il pilota René Arnoux. Poi una mostra di foto inedite sulla vita privata dell’Ingegnere, tratte dalla collezione della famiglia Panini e del tutto inedite. Infine 4 formidabili veicoli, la prima vettura prodotta a Modena dal Drake, la Auto Avio Costruzioni 815 del 1940, la “chicca” Ferrari 195/212 Inter, il caccia Macchi C202 Folgore, appartenuto alla 84° squadriglia, 3°stormo Francesco Baracca, che reca sulla fusoliera l’originale Cavallino Rampante e la Ferrari 250 GTE 2+2 denominata Spatafora appartenuta famoso maresciallo della Polizia di Stato.
Anche Carlo Abarth, pilota, imprenditore e geniale costruttore merita un posto importante nel pantheon dell’automobilismo mondiale. Per questo la 6° Modena MotorGallery dedica a Karl Albert Abarth, nei 110 anni dalla nascita, avvenuta a Vienna il 15 novembre 1908, un appassionante e ricco percorso espositivo.
Nel padiglione C di ModenaFiere sarà allestita una mostra realizzata in collaborazione con la Scuderia Tazio Nuvolari Italia e con l’architetto Giampaolo Benedini, con auto di marca Abarth selezionate, affiancate dal video racconto di storie legate dell’uomo che le ha create.
Accanto a questi topic, una serie di momenti imperdibili, come la mostra dedicata alle moto degli anni ’80 a cura del Motoclub 2000 con le rare moto turbo giapponesi contrapposte alle due ruote di fabbricazione europea di quegli anni. La presentazione del primo percorso di alta formazione per tecnici restauratori del veicolo, curato dal DIEF dipartimento di ingegneria Enzo Ferrari della Unimore, in collaborazione con CNA Ecipar, i talk show curati dal Club ACI Storico, braccio dell’Automobile Club d’Italia, la presenza ufficiale dei grandi musei della Motor Valley: il MEF di Modena, il Ferrari SpA di Maranello, il Ferruccio Lamborghini, le collezioni Automobili Pagani e Stanguellini e da Torino il Museo dell’Auto.
«La Modena Motor Gallery è divenuta in soli cinque anni un appuntamento molto sentito dagli appassionati, dai collezionisti e dai commercianti -ha spiegato il founder della società organizzatrice VisionUP Mauro Battaglia- il nostro è un salone dove è possibile respirare l’aria della passione, incontrare da vicino personalità del motorismo, vedere pezzi bellissimi e portare a casa qualche emozione e nuove idee. Il nostro evento cresce circa del 10% ogni anno in termini di pubblico ed espositori, siamo orgogliosi del passato di questo territorio ma pensiamo al futuro con corsi per restauratori e spazio al nuovo con la mostra per veicoli elettrici Le radici del futuro. Ogni anno cerchiamo temi originali e anche quest’anno credo siamo riusciti a proporre un evento di qualità. Grazie ai nostri partner senza i quali non sarebbe possibile realizzare nulla di simile».
www.motorgallery.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta