a cura della Redazione - 12 aprile 2019

Archivissima al MAUTO: presentazione del libro "Giorgio Pianta, una vita per le corse"

Nell’ambito del “Festival degli archivi”, in cui è coinvolto anche il Museo dell’Automobile di Torino. Ingresso libero con invito, oggi 12 aprile a partire dalle ore 17
1/5
Tra le numerose iniziative organizzate in occasione di “Archivissima il Festival degli archivi”, il Museo dell’Automobile di Torino organizza la presentazione del libro “Giorgio Pianta, una vita per le corse” scritto da Luca Gastaldi e Sergio Limone. Contestualmente alla presentazione, verrà donato al Centro di Documentazione del Mauto l’archivio fotografico che è stato traccia di riferimento per la stesura del libro.
L’idea di dedicare un libro a Giorgio Pianta, infatti, è nata mettendo mano a due scatoloni che contenevano il suo archivio fotografico: una carrellata su oltre trent’anni di automobilismo italiano, tante foto delle più svariate autovetture pilotate da Pianta sin dal 1955. A partire da queste immagini, riordinate, è stata ricostruita, anno dopo anno, la storia di Pianta, con i suoi successi e le sue sconfitte. Una lunga esperienza come pilota (anche da “ufficiale” per la Lancia HF, per la Opel, addirittura per la Ferrari nel Rallye di Monte-Carlo 1965), poi il passaggio all’Abarth come collaudatore e come responsabile della delibera delle vetture da gara e del reparto rally, infine come responsabile di Alfa Corse, dal 1987 al 1996, esperienza culminata con le vittorie nel DTM 1993 e nel BTCC 1994.
Per parlare di Pianta (che ci ha lasciati nel 2014) e definire meglio il suo ricordo, si è poi lasciato spazio ad alcune testimonianze di persone che lo hanno avuto come collega, direttore di squadra, capo meccanico, manager, amico, marito e padre. Il tutto in 240 pagine dense di emozioni, di immagini e di sano amore per la competizione sportiva.
La presentazione si svolgerà nella Piazza del Mauto con ingresso libero. Coloro che parteciperanno alla presentazione, riceveranno un coupon che dà diritto alla tariffa ridotta di ingresso al museo.
www.museoauto.it
© RIPRODUZIONE RISERVATA