di Luca Gastaldi - 04 July 2018

Cesana-Sestriere: percorso accorciato ma raddoppiano le manche

Una frana interrompe il percorso della tradizionale cronoscalata per auto storiche:
per rispettare la distanza regolamentare, si disputeranno perciò due salite
  • Salva
  • Condividi
  • 1/14

    La Cesana-Sestriere 2018, 37^ edizione della tradizionale corsa in salita che si disputa sulle montagne olimpiche torinesi, andrà in scena dal 6 all’8 luglio. La gara, valida per i campionati Europeo e Italiano di velocità in salita per auto storiche, si svolgerà con qualche differenza rispetto al passato.
    Una frana dopo l’abitato di Champlas du Col ha costretto gli organizzatori a ridurre il percorso che, dagli originali 10,4 km, è passato a 6,4 km; i concorrenti, però, disputeranno due manche per raggiungere la lunghezza minima prevista dal regolamento della serie continentale.
    Il programma del fine settimana prevede le verifiche tecnico-sportive dalle 14.30 alle 19.00 di venerdì 6 luglio, a Sestriere; sabato 7, dalle ore 12.00, si disputeranno due sessioni di prove ufficiali; domenica 8 luglio, infine, le due manche di gara con semaforo verde alle 9.30. Cesana Torinese, come di consueto, ospiterà il paddock e l’allestimento di una speciale rassegna dedicata a 30 vetture storiche da rally.
    FCA Heritage, sponsor dell’evento, parteciperà con due vetture del Museo Storico Alfa Romeo di Arese: una Giulia SS del 1963 e una Giulia GTA del 1965. Questi due gioielli faranno da apripista alle oltre cento vetture storiche iscritte: Turismo e Gran Turismo costruite fino al 1985, Sport Prototipo fino al 1990.
    Nata nel 1961 per la volontà dell’Automobile Club Torino di organizzare un evento motoristico da inserire nel calendario dei festeggiamenti per i 100 anni dell’Unità d’Italia, la Cesana-Sestriere ha ottenuto sin da subito la validità per il campionato italiano e per il trofeo europeo della specialità. Nei primi 14 anni della corsa si sono alternati sul podio i grandi nomi dell’automobilismo mondiale, come il tedesco Edgar Barth, primo nel 1963 e 1964 con la Porsche, Lodovico Scarfiotti, vincitore con la Ferrari Dino nelle due edizioni successive, Rolf Stommelen, Gerhard Mitter, Peter Schetty con la Ferrari, Arturo Merzario e Johannes Ortner, primi con l’Abarth 3000 nel 1970 e 1971.
    Nel 1972 è iniziata l’era di Mauro Nesti: il nome del pilota italiano è quello che compare maggiormente nell’albo d’oro, con 9 vittorie. La Cesana-Sestriere si è corsa ininterrottamente dal 1961 al 1973. Poi c’è stata un’interruzione fino al 1981, anno in cui l’AC Torino ha ripreso ad organizzarla fino al 1992.
    Dal 2007 le nuove edizioni riservate alle auto storiche, che hanno visto il crescente successo a livello internazionale della manifestazione.
    www.cesanasestriere.com

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Guida all'acquisto