Alfa 75 V6 3.0: Piacere Alfista

E’ stata l’ultima Alfa Romeo con quelle caratteristiche di brillantezza e guidabilità associate ai motori del Biscione, di cui il “Busso” è probabilmente la migliore espressione. Il servizio completo su Automobilismo d’epoca in edicola

1/4

Il 31 dicembre 2005 nelle catene di montaggio dell’Alfa Romeo ad Arese si assembla l’ultimo esemplare del motore V6 “Busso”, come tutti gli appassionati ancora oggi lo chiamano. Il più bel 6 cilindri “a V” dell’epoca moderna, super premiato e ammirato in tutto il mondo, esce di scena per sempre. Insieme al suo geniale creatore: tre giorni dopo, il 3 gennaio 2006, si tengono le esequie dell’ingegnere Giuseppe Busso; quando il feretro è portato fuori dalla chiesa, come diretti da un invisibile direttore d’orchestra, i sei cilindri schierati di fronte al sagrato si accendono all’unisono e intonano il loro canto migliore: è l’ultimo omaggio e l’ultimo saluto a uno dei più grandi progettisti dell’Alfa Romeo, quella “vera”. Alfa 6 Introdotto per la prima volta nel listino Alfa Romeo nel 1979 con la poco fortunata Alfa 6 con cilindrata 2.492 cc, il 6 cilindri progettato da Giuseppe Busso è un bell’esempio di longevità, con i suoi ventisette anni di carriera sulle spalle. Il che la dice lunga sulle qualità meccaniche di un propulsore che entusiasma fin dall’inizio tutti quanti, ammiratori e no della Casa milanese. Le qualità migliori che gli sono sempre state riconosciute sono l’erogazione morbida e progressiva unita alla brillantezza, un’eccellente equilibratura dovuta alla “V” a 60°, una gran coppia e un sound piacevolissimo, personale e rotondo. Sull’Alfa 75 questo motore è montato per la prima volta nel 1985, sulla Quadrifoglio Verde, nella stessa versione già usata sull’Alfa 6, da 156 Cv a 5.600 giri, che assicura prestazioni brillanti e guida molto piacevole; qualità esaltate dalle dimensioni e dal peso inferiori della 75 e portate al massimo sviluppo sulla successiva 75 3.0 V6 America, con la cilindrata incrementata a tre litri. (Segue… in edicola).

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Guida all'acquisto