E-Type UK restaurerà la sfortunata 1° serie 4.2 litri di Snetterton

Dopo soli tre mesi dopo la sua nascita la E-Type 4.2 ebbe un incidente al Snetterton Race Circuit, dove non venne riparata fino ad oggi

1/10

La Jaguar E-Type: una delle più meravigliose creazioni automobilistiche della storia, una linea seducente come poche abbinata ad un melodioso sei cilindri capace di prestazioni notevoli ancora oggi e di un sex appeal magnetico. Non questa però. Sfortunatamente la 4.2 litri in foto è ancora lontana dai fasti di un tempo: uscita dai cancelli Jaguar nel Dicembre del 1964 questa povera E-Type ebbe una vita breve. Dopo soli tre mesi dalla sua nascita il milionario Tom Casson, nonché proprietario, ebbe un incidente ad alta velocità lungo il circuito di Snetterton, uscendo di strada e centrando in pieno un muro di gomme. I danni furono per lo più cosmetici e non meccanici ma la E-Type venne messa in un angolino e venduta l’anno successivo. Per qualche incomprensibile e sconosciuto motivo il nuovo proprietario la comprò e… la usò come soprammobile, visto che per 40 anni (!) non fece aumentare di una singola miglia le 2.805 segnate dal cruscotto né la rimise in condizioni di circolare su strada.

Ciò che fece fu riparare e cambiare alcuni pannelli danneggiati, ottenendo una E-Type con almeno cinque vernici diverse. Le cose però stanno per cambiare: gli esperti della E-Type UK si sono messi in testa di restaurare completamente questa sfortunata meraviglia su ruote smontando ogni singolo bullone, catalogandolo e cercando di conservare quanto più della vettura originale. Il cambio a quattro marce verrà smontato, controllato e rimontato al meglio, il 4.2 litri verrà rivisto da cima a fondo per garantire le prestazioni di un tempo e la carrozzeria sarà riparata e verniciata a mano. Stessa sorte per gli interni, che verranno conservati ma interamente ripristinati. L’azienda inglese E-Type UK è nota per la sua attenzione maniacale ai dettagli, pertanto non c’è alcun dubbio sul capolavoro che nascerà da questo restauro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA