di Francesco Pelizzari - 17 March 2016

I Marzotto e la 1000 Miglia: la storia continua all’insegna del vino

L’azienda vinicola Santa Margherita, gestita dai figli di Vittorio, è sponsor dell’edizione 2016. Sempre saldo il filo rosso che ha legato la “Freccia Rossa” alle imprese sportive di Vittorio, Umberto, Paolo e Giannino (vincitore di due edizioni).

I Marzotto e la 1000 Miglia: la storia continua all’insegna del vino

Le traiettorie della vita possono essere ricche di sfumature. Così sono per esempio quelle della famiglia Marzotto e della 1000 Miglia. I “conti correnti” Vittorio, Umberto, Giannino e Paolo hanno contribuito a creare un bel pezzo del mito della 1000 Miglia: l’immagine dei gentleman driver che correvano veloce quanto e più di gente come Ascari, Fangio e Moss; Giannino in doppiopetto vincente sul podio di Brescia nel 1950 (Ferrari 195 S) e nel 1953 (Ferrari 340 MM Spider: Giannino rimarrà il solo, insieme a Stirling Moss e Piero Taruffi, ad aver percorso i 1600 km in meno di 11 ore).

Il legame tra la “Freccia Rossa” e la famiglia di Valdagno prosegue oggi con i figli di Vittorio: Luca, Stefano, Nicolò e Gaetano. Sono loro che gestiscono il gruppo vinicolo “Santa Margherita”, creato dal loro nonno, Gaetano jr. Era il 1935: Gaetano Marzotto immaginò e realizzò il suo ideale di agricoltura, informato dei valori tipici della famiglia. Innovazione, sostenibilità, amore per il territorio e per i suoi uomini, tecnologia: gli stessi valori che guidano il gruppo vinicolo ancora oggi.

Le traiettorie della vita e della storia a volte seguono un percorso lineare: il Gruppo Santa Margherita è “Main Wine Sponsor” della 1000 Miglia. E naturalmente gli stessi componenti della famiglia Marzotto e dell’azienda parteciperanno all’edizione 2016: Stefano su Lancia Aurelia B20, al pari di Alessandro e Sebastiano, che fanno parte della nuova generazione; altri illustri personaggi al volante delle auto della “Scuderia Santa Margherita” saranno Ettore Nicoletto, amministratore delegato del gruppo, su Aurelia B24; e Ivan Capelli, ospite d’onore su Mercedes SL 300.

Il Gruppo Santa Margherita conta oggi 315 dipendenti divisi tra le sette cantine in Veneto, Trentino Alto Adige, Toscana e Sicilia, che producono oltre 19 milioni di bottiglie l’anno, per un fatturato consolidato di 118,2 milioni di Euro, con un +7,3% registrato nel 2015 sul 2014. La proposta spazia dal prodotto premium all’esclusivo rapporto qualità/prezzo, con etichette come Santa Margherita, Torresella, Kettmeir, Lamole di Lamole, Vistarenni, Sassoregale e Terrelìade. Il Gruppo è presente in 85 paesi del mondo, con particolare focus su Italia, Germania, Regno Unito, Giappone, USA (aperta una filiale a Miami) e Canada, distinguendosi per l’anima “glocal” e la forte propensione all’ecosostenibilità: cantine e fornitori producono la propria energia con centrali a biomasse.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Guida all'acquisto