a cura della Redazione - 21 giugno 2019

Partita la 25ª edizione della “Leggenda di Bassano”

Il palcoscenico di Bassano del Grappa, il fascinoso spettacolo dei passi dolomitici e uno sconfinamento internazionale: l’evento celebra, fino a domenica 23, i suoi primi 25 anni con un’edizione unica tra novità e solidarietà

Si sono ritrovati ieri gli equipaggi iscritti alla “La Leggenda di Bassano – Trofeo Giannino Marzotto” che prenderà il “Via!” oggi dalla stupenda cornice del parco dell’Istituto Fatebenefratelli di Ca’ Cornaro a Romano d’Ezzelino (VI), che farà da iniziale passerella per i gioielli in gara, che partirà oggi alle 12.30 per dirigersi alla volta del primo traguardo di tappa, Madonna di Campiglio, dove, al termine della sfilata delle vetture nel caloroso abbraccio di Piazza Sissi, è prevista una suggestiva cena in alta quota ospitata nel Rifugio Montagnoli.

Domenica 23 giugno nella tappa finale che parte sempre da Madonna di Campiglio, le vetture si dirigeranno verso il traguardo discendendo la Val Rendena verso Pinzolo e svoltando lungo le Valli Giudicarie per transitare poi per Trento. Da qui la carovana scenderà la Valsugana con una sosta a Borgo Valsugana per poi raggiungere Bassano del Grappa per la tradizionale sfilata con presentazione in Piazza Libertà, dove le vetture, tutte Sport-Barchetta costruite dal 1920 fino al 1959 (ben 92 iscritte), sosteranno per farsi ammirare in tutto il loro splendore, richiamando appassionati e semplici curiosi nel consueto caloroso abbraccio che la città del Grappa riserva ai partecipanti de “La Leggenda”. La competizione si concluderà infine con le premiazioni, che quest’anno avranno l’onore di essere ospitate nell’antico chiostro del Museo Civico di Bassano del Grappa.

“Come ogni anno – afferma Stefano Chiminelli, Presidente del Circolo Veneto Automoto d’Epoca ‘G. Marzotto’ e del Comitato Organizzatorevivremo la straordinaria emozione di vedere sfilare lungo le vie della città modelli incredibili, che hanno fatto la storia del motorismo. Per questo vogliamo ringraziare l’Amministrazione comunale, per aver aperto le porte del salotto buono della città, che anche in questa edizione, che celebra i primi 25 anni della competizione, ci aspettiamo faccia sentire il suo caloroso abbraccio ai piloti in gara. Sarà un’occasione imperdibile per gli spettatori per vedere da vicino questi autentici gioielli d’epoca, in un ideale ‘gemellaggio’ tra quattro e due ruote vista la concomitanza in città con il Campionato Nazionale di Paraciclismo. Anche l’edizione di quest’anno avrà un occhio per il sociale. Infatti parte dei ricavati saranno destinati alla casa di riposo dell’Istituto Fatebenefratelli di Ca’ Cornaro, che come ogni anno ospiterà nel suo splendido parco la partenza della manifestazione”.

Alcuni tra i “gioielli” al via nell’edizione 2019

“La Leggenda di Bassano” è una vetrina viaggiante di pezzi unici. Ecco solo alcune delle splendide vetture in gara: Ferrari 250 MM Vignale del 1953, reduce dalle fatiche della Mille Miglia, dove ha partecipato guidata al volante dal duo Gavio-Pissavini; Jaguar D-Type del 1955, del noto collezionista scozzese Gregor Fisken.

Sempre dall’Inghilterra, Alfa Romeo RL del 1923, guidata da Tony Best, mentre verrà condotta dall’olandese Frans van Haren la splendida Alfa Romeo 2900A “Botticella”, vettura che vinse l’edizione della Mille Miglia del 1936. Come ogni anno sarà presente la nutrita pattuglia delle Bentley, che in questa edizione saranno presenti con 5 esemplari capitanati dalla mastodontica Blower da 4.5 litre guidata da Eddie MacGuire.

Dalla Spagna arriva invece la famiglia Fernandez, il padre con le due figlie, alla guida di tre autovetture che hanno scritto la storia dell’automobilismo sportivo: una Maserati 300 S del 1956 che fu portata in gara dal mitico campione argentino Juan Manuel Fangio; una Allard J2X del 1952 con potentissimo motore 8 cilindri da 5400 cc;infine una splendida Porsche 718 RSK del 1959, regina incontrastata delle corse endurance agli inizi degli anni ‘60.

I numeri

4 giorni di gara con più di 600 km percorsi, 40 prove cronometrate e 10 passi alpini attraversati. Questi i numeri da “Leggenda” dell’edizione 2019, che vede pronte ai nastri di partenza autovetture provenienti da 18 paesi del mondo in rappresentanza di 36 marche automobilistiche diverse. La parte del leone di questa edizione la faranno la Ferrari e l’Alfa Romeo con 7 esemplari ciascuna, seguite dal duo Jaguar e Osca che schierano 6 vetture ciascuna. Al volante di questi gioielli senza tempo una nutrita truppa tricolore, sono infatti ben 31 i piloti italiani partecipanti, e internazionale, con 18 piloti inglesi, 11 tedeschi, 2 americani e un kazako.

www.laleggendadibassano.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Guida all'acquisto