a cura della Redazione - 21 ottobre 2019

Presentato il 1° corso di formazione tecnica superiore per restauratori di auto d’epoca

Organizzato da CNI-Ecipar, società aderente alla Confederazione Nazionale dell’Artigianato, in collaborazione con le Università di Modena-Reggio e Ferrara e con i più importanti artigiani del settore. 500 ore di aula, 300 di stage dal 21 novembre al Iscrizioni fino al 30 ottobre, 20 posti disponibili

Formare ambasciatori di quell’artigianalità e know-how che fanno del territorio modenese una delle capitali internazionali del restauro di veicoli d’epoca. E’ questo l’obiettivo del primo corso, gratuito, di formazione tecnica superiore per “Tecnico restauratore di carrozzeria d’auto d’epoca”, organizzato da CNI-Ecipar, in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore, il Dipartimento di Ingegneria di Unife, l’IIS Ferrari di Maranello (MO) e la partecipazione di prestigiose aziende del restauro di veicoli storici, come Bacchelli & Villa srl, Brandoli Egidio srl, Cremonini Carrozzeria srl, Autocarrozzeria Frignani snc, nonché di CCW srl e Fabrizio Ventura consulting.

Le iscrizioni al corso, che vede coinvolti per il Dipartimento Enzo Ferrari di Unimore il prof. Francesco Leali, l’ing. Francesco Gherardini e l’ing. Elena Colombini e per il Dipartimento di Ingegneria di Unife il prof. Gian Luca Garagnani, sono aperte fino al 30 ottobre e i posti disponibili sono venti. Le lezioni inizieranno il 21 novembre per terminare a ottobre 2020, con stage da maggio a luglio. Il percorso si svilupperà su 500 ore d’aula e 300 di stage.

L’iniziativa, cofinanziata da Regione Emilia-Romagna e Fondo Sociale Europeo, è stata presentata in via ufficiale il 18 ottobre al Tecnopolo di Modena presso il Campus del Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” di Unimore, alla presenza delle carrozzerie che sostengono il corso, il quale si svilupperà su 500 ore d’aula e 300 di stage.

Nelle prime 500 ore, si alterneranno lezioni applicative in officina con artigiani di esperienza pluriennale nel settore, a momenti di aula e laboratori con esperti carrozzieri, collezionisti, ingegneri e docenti universitari per integrare le tecniche classiche di restauro con le opportunità offerte da moderne tecnologie quali additive manufacturing, reverse engineering ed analisi metallografiche. Nelle 300 ore dello stage finale, i partecipanti saranno inseriti all’interno delle principali aziende del territorio nell’ambito del restauro di carrozzeria del veicolo d’epoca, per essere guidati ed affiancati delle maestranze specializzate quali battilastra, preparatori e verniciatori.

Alla fine del percorso verrà rilasciato ai partecipanti un certificato di specializzazione tecnica superiore in tecniche per la realizzazione artigianale di prodotti del made in Italy.

Il corso ha il patrocinio di ASI - Automotoclub Storico Italiano e il sostegno di importanti aziende del territorio: Automobili Lamborghini SpA, Maserati SpA, Zanasi Group srl, Ferrari Jeris srl, Carrozzeria Mirage srl, Società carrozzai Nonantola Toni Auto snc, Carrozzeria Pignatti srl, GA srl, Gatti Villiam, nonché delle Associazioni AISA (Associazione Italiana per la Storia dell'Automobile) e ModenArteMotori, della Collezione Umberto Panini e del Museo Stanguellini.

Per maggiori informazioni ci si può rivolgere alla coordinatrice del corso dott.ssa Vania Spezzani (spezzani@mo.cna.it) o contattare Cni-Ecipar allo 059/269800.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Guida all'acquisto