di Attilio Facconi - 20 marzo 2020

LA 1000 MIGLIA 2020 RINVIATA AL 22-25 OTTOBRE

Anche la “Freccia Rossa” costretta a capitolare e rimandare l’effettuazione a causa dell’epidemia. Una scelta (saggia) di precauzione da parte dell’organizzatore: si sarebbe dovuta disputare dal 13 al 16 maggio. Il precedente del 1947

1/2

Franco Gussalli Beretta (a sinistra), presidente di 1000 Miglia Srl, e Aldo Bonomi, presidente di AC Brescia. 

Il Consiglio di Amministrazione di 1000 Miglia srl in accordo con il Socio Automobile Club di Brescia, a fronte dell’emergenza in atto e al fine di garantire lo svolgimento della manifestazione nella massima sicurezza, ha deliberato il rinvio della 1000 Miglia 2020 - e degli eventi collaterali - che, pertanto, si svolgerà da giovedì 22 a domenica 25 Ottobre prossimo.

«Come le nostre istituzioni hanno costantemente comunicato in questi giorni» ribadiscono Franco Gussalli Beretta, presidente di 1000 Miglia srl e Aldo Bonomi, presidente dell’Automobile Club di Brescia «la salute delle persone viene prima di tutto e, nella speranza della migliore e più rapida risoluzione di questa situazione senza precedenti, tutti indistintamente abbiamo la responsabilità di partecipare allo sforzo collettivo in corso».

È la seconda volta nella storia della corsa che si deve rimandare la data di effettuazione: la prima volta fu nel 1947, per consentire ai vari comuni e provincie di rendere le strade e i collegamenti più completi: quell’anno la corsa non fu disputata ad aprile come al solito, bensì spostata alla data del 21 e 22 giugno. Fu la famosa edizione di Nuvolari in testa con la piccola Cisitalia, poi fermato dalla pioggia in favore di Biondetti che vinse la corsa.

www.1000miglia.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Guida all'acquisto