Una Supra A80 in vendita per 300.000 dollari

Va bene speculare un po' su un bell'esemplare, ma così si esagera!

1/6

L’estate passata una Supra A80 rossa venne venduta per l’imbarazzante cifra di 201.000 dollari. Aveva un solo proprietario, condizioni impeccabili, ovviamente il celebre 2JZ, cambio manuale e qualcosa come 10.000 chilometri, che solamente in parte (ma molto in parte) giustificano l’insensato prezzo di questa giappo. Un concessionario dell’Illinois ora sta tentando un simile colpo grosso: niente verniciatura rossa bensì antracite, due proprietari, 15.500 chilometri (oddio, qualcuno l’ha persino usata!) e sempre il desiderabile cambio manuale. In teoria dovrebbe valere un filo meno, invece perché non sparare altissimo e chiedere 299.800 dollari?

Questo esemplare ha anche il tettuccio removibile e non ha l’ala posteriore, che magari la rendono leggermente più rara, in realtà per un collezionista serio i chilometri in più e il fatto di non essere unico proprietario non la fanno valere quanto la A80 di quest’estate, che già aveva raggiunto cifre assurde. La Diamond Motor Works – il rivenditore dell’Illinois – di certo si sta facendo pubblicità in tal modo, ma sinceramente speriamo che nessuno sia così folle da dargli esattamente la stessa cifra di – per dirne una a caso – una Ferrari 512 BB. Le vecchie sportive giapponesi hanno chi le ama e chi le odia, noi siamo per il versante amorevole (basti pensare a NSX, Rx-7, Skyline, Evo, 22B…) ma con criterio; ormai questi prezzi stanno sfuggendo di mano, con una gara a chi fa abboccare il pesce più grosso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA