x

Sempre in contatto con la tua passione?

Iscriviti alla newsletter

L’Alfa Revival Cup accende i motori

1 aprile 2016
di Eugenio Mosca
  • Salva
  • Condividi
  • 1/12
    La serie dedicata alle vetture Alfa Romeo prende il via a Imola con interessanti novità: ampliato l’arco temporale di costruzione delle vetture dal 1947 al 1981 e una imperdibile promozione per tornare a schierare le vetture più storiche, Giulietta e 1900

    L’Alfa Revival Cup accende i motori

    L’Alfa Revival Cup perfeziona la propria messa a punto per presentarsi più competitiva che mai in vista della quinta edizione che sta per iniziare con il primo dei quattro round in programma a Imola questo fine settimana. Gli altri tre appuntamenti sono invece fissati per il 7/8 maggio a Misano, il 18/19 giugno a Monza nel prestigioso contesto della Coppa Intereuropa, per tornare quindi a Imola il 9/10 ottobre. La serie dedicata alle vetture del Biscione e organizzata dalla GPS Classic si presenta quest’anno con tre interessanti novità, volte a rendere ancora più interessanti e avvincenti le gare. Innanzitutto è stato ampliato l’arco temporale di costruzione delle vetture ammesse, dal 1947 al 1981 anziché al 1976 come avveniva fino all’anno scorso, così da consentire l’accesso in griglia a modelli quali le Alfetta GT e Alfasud, del periodo di classificazione FIA 1977-1981. Il secondo punto riguarda le discusse vetture di Gruppo 5 e Silhouette, che potranno continuare a partecipare alla ARC però con l’obbligo di aggiornare il peso minimo incrementandolo di 100 kg rispetto a quanto riportato nel loro http FIA o ACI Sport, con l’evidente obbiettivo di bilanciare le prestazioni con le altre vetture. Infine, con una promozione davvero degna di nota, prosegue l’impegno di Tommaso Gelmini per riportare in pista le Alfa Romeo più storiche, come Giulietta e 1900 in tutte le versioni. Queste vetture, infatti, potranno partecipare all’intera serie, perciò le quattro gare sulla distanza di 1 ora oltre alle relative qualifiche di 30’ e un turno di prove libere di 25’, pagando un’unica tassa di iscrizione di 800 euro IVA inclusa. Che significa meno di 200 euro a gara. Quindi, ora non ci sono più giustificazioni per tenerle relegate in garage! Info: www.alfarevivalcup.it.

     

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta